Charlot, Totò, Eisenstein, Pasinetti, Fendi, Opera di Roma, Cinecittà. A Roma, la storia del cinema attraverso diverse mostre

Una selezione di mostre sul cinema da Cinemaecinematografi, dicembre 2017

Quali mostre vedere per chi sarà a Roma tra le feste di fine 2017 e il nuovo anno 2018? Fra le tante proposte abbiamo selezionato quelle dove rivive la storia dell’arte e del cinema attraverso grandi cineasti, attori e personaggi famosi, o ancora luoghi e protagonisti, archivi e artisti… Si va a conoscere meglio dei personaggi del grande schermo come Charlot e Totò, dei cineasti pionieri Eisenstein e Pasinetti, il contributo degli artigiani di Fendi, la richezza degli archivi audiovisi per ritrovare gli artisti che hanno fatto la storia dell’Opera di Roma, la storia della fabbrica cinematografica a Cinecittà, l’innovazione della fotografia su pellicola con le famose Leica… Tante visioni del cinema, i suoi protagonisti e le sue storie.

Il nostro menu festivo raccoglie le esposizioni in corso, alcune di loro visitabili fino all’inizio 2018.

Charlot, il Grande Monello

I 15, 16 e 17 dicembre 2017, a Castel Gandolfo, il festival internationazionale di humor grafico rende omaggio a Charlie Chaplin, a 40 anni della scomparsa. Dedica la prima mostra italiana a Charlot, il personaggio più famoso del grande artista “Charlot, il Grande Monello”. È stata realizzata assieme a 63 autori della grafica umoristica, vignettisti o caricaturisti provenienti da 22 paesi del mondo. Tra loro le migliori firme come Mauro Biani, Massimo Bucchi, Bruno Bozzetto, Lido Contemori, Marco De Angelis, Angel Boligan, Karry, Crist, Robert Rousso e molti altri. Ad arricchire la rassegna organizzata da Julio Lubetkin, i film restaurati dalla Fondazione Cineteca di Bologna/Archivio Chaplin e musica dal vivo… https://www.facebook.com/festivalhumorgrafico/

Si può inoltre leggere qui la nostra visita al Chaplin’s World i primi di dicembre 2017: http://cinemaecinematografi.altervista.org/al-chaplins-world-40-anni-della-scomparsa-charlie-chaplin/

Sergei Eisenstein. The Anthrology of Rythm

Rimane fino al 19 gennaio 2018 per vedere la mostra “Sergei Eisenstein. The Anthrology of Rythm (Sergej Ėjzenštejn: L’antropologia del ritmo)” della Nomas Foundation. Sono finora poco conosciuti gli aspetti documentari ed etnografici dell’opera del regista sovietico Ėjzenštejn. Questa mostra indaga la rappresentazione della gente comune e in particolare la varietà dei modi in cui filmava i volti. Numerosi documenti provengono dagli archivi di Ėjzenštejn – Archivio di Stato Russo di Letteratura e Arti (RGALI) e dalla Fondazione Nazionale Cinematografica della Federazione Russa (Gosfilmofond) –, inclusi appunti, disegni, filmati e fotografie. L’esposizion è curata dalle storiche dell’arte e del cinema Marie Rebecchi (Parigi) e Elena Vogman (Berlino), in collaborazione con l’artista e grafico Till Gathmann (Berlino).

http://nomasfoundation.com/home/prossimamente-sergei-eisenstein-the-anthropology-of-rhythm-2/

Pasinetti fotografo e cineasta

Prosegue fino al 28 gennaio 2018 “Pasinetti fotografo e cineasta” al Complesso dei Dioscuri –
mostra ad ingresso gratuito

Il giovane genio e pioniere della fotografia e del cinema italiani degli anni trenta e quaranta, il veneziano Francesco Pasinetti, morto a soli 37 anni, è già oggetto di un vero culto dai cinefili. Per Michelangelo Antonioni era un ‘simbolo’, per Vittorio De Sica, la ‘nostra coscienza’. A Roma – la città di adozione e di lavoro di Pasinetti – la mostra, ideata e curata da Carlo Montanaro, è promossa dall’Istituto Luce Cinecittà in collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia. Si propone di far conoscere ad un pubblico più largo un personaggio che ha contribuito in maniera straordinaria alla storia del cinema italiano.

http://www.cinecitta.com/IT/it-it/news/45/8684/francesco-pasinetti-fotografo-e-cineasta-in-mostra.aspx

Totò Genio

Procede fino al 18 febbraio 2018 “Totò Genio” al Museo di Roma in Trastevere. Sono passati cinquant’anni alla sua scomparsa di Antonio de Curtis, in arte Totò, uno dei maggiori interpreti italiani del Novecento. La mostra a lui dedicata ci arriva da Napoli dove ha riscontratto un grande successo. Un’ampia sezione della mostra è consacrata al suo rapporto con il cinema.
http://www.museodiromaintrastevere.it/it/mostre_ed_eventi/mostre/toto_genio

Artisti all’Opera

Artisti all'operaFino all’11 marzo 2018 tantissimi gli “Artisti all’Opera” al Museo di Roma Palazzo Braschi – con i filmati d’archivio e le proiezioni a cura dell’Istituto Luce. Ne parla così Gian Luca Farinelli, curatore della mostra e direttore della Fondazione Cineteca Di Bologna: “Come narrare un’arte performativa in assenza degli artisti? Abbiamo pensato per una volta di ribaltare la prospettiva e rendere i visitatori protagonisti di questa avventura. Entriamo, uno scampanellio ci avverte che l’opera sta per iniziare, varchiamo la tenda d’ingresso e… sorpresa: non siamo in platea, ma sul palcoscenico dell’Opera di Roma! Sentiamo un cantante che sta provando, ci aggiriamo per le sale del palazzo.” Gli archivi tra cui quelli audiovisivi e cinematografici consentono un tuffo nella storia dell’Opera di Roma.
http://www.museodiroma.it/it/mostre_ed_eventi/mostre/artisti_all_opera

Fendi Studios

Si chiuderanno il 25 marzo 2018 i “Fendi Studios” al Fendi Palazzo delle Civiltà – mostra ad ingresso gratuito

Inaugurata durante la Festa del cinema di Roma, “Fendi Studios” è la quarta mostra organizzata da Fendi nella sua sede di Palazzo della Civiltà, all’Eur. Racconta il lungo rapporto dalla storica maison di moda con il cinema. Il percorso fra costumi di scen a e auto d’epoca si vuole interattivo per i visitatori invitati a giocare sui set e i decori dei film riproposti per l’occasione.
https://www.fendi.com/it/fendi-roma/progetti_speciali/fendi-studios

Si segnala inoltre il programma di proiezioni serali gratuite ma su prenotazione (eventbrit). La sala da 64 posti allestita per l’occasione resterà aperta fino al 25 marzo: https://www.eventbrite.com/e/fendi-studios-october-27th-2017-march-25th-2018-tickets-38838565194?ref=elink

Cinecittà si mostra

Cinecittà si mostra. Cinecittà shows off” La fabbrica dei sogni dal 1937 – mostra permanente

Dal 2011 gli Studi di Cinecittà in Via Tuscolana 1055 hanno aperto al pubblico con il progetto “Cinecittà si Mostra”, un’iniziativa culturale che valorizza il patrimonio storico e architettonico della “Hollywood sul Tevere”. La visita ai set si sviluppa lungo tre percorsi espositivi. Promette così di poter attraversare non solo la storia degli Studios ma anche quella del cinema italiano e internazionale, e di scopire i mestieri del cinema. Ricordava Federico Fellini: “La prima volta che ho udito questo nome “Cinecittà”, in modo oscuro ho percepito che quella era la città dove avrei voluto abitare e che avrebbe fatto parte della mia vita. La città delle attrici, delle dive! Una dimensione fatta, un sogno da batticuore!”

Durante il periodo natalizio, è prevista un’apertura eccezionale il 26 dicembre 2017.

http://cinecittasimostra.it/

I grandi maestri. 100 anni di fotografia Leica

Mostra Leica

Aggiungiamo un’ultima importante mostra che è stata inaugurata al Complesso del Vittoriano: “I grandi maestri. 100 anni di fotografia Leica”. Ad essere protagonista della manifestazione non è il cinema ma sicuramente interesserà gli appassionati di luce, fotografia, macchine e pellicole. C’è tempo fino al 18 febbraio 2018 per scoprirla.

Foto: Ur-Leica, built by Oskar Barnack, completed in 1914 © Leica Camera AG

http://www.ilvittoriano.com/mostra-leica-roma.html

Marie Zago

per Cinemaecinematografi

Precedente La ruota delle meraviglie - Wonder Wheel, Due sotto il burqa - Cherchez la femme, Star Wars: Gli ultimi Jedi - Star Wars: The Last Jedi e tutti gli altri film in versione originale sottotitolata a Roma fino a mercoledì 20 dicembre 2017. Successivo Wonder, Ferdinand, 50 primavere - Aurore e The Greatest Showman in programmazione nei cinema romani in versione originale sottotitolata. Programmazione fino a mercoledì 27 dicembre.