Cinematografi – Nuovo Sacher

Cinema_Nuovo_Sacher_-_Trastevere_Roma_1

Nuovo Sacher ai nostri giorni

Il “Nuovo Sacher” o il “Cinema di Nanni Moretti” ha origini alla fine degli anni 30′, progettato dall’architetto Ettore Rossi, venne costruito tra il 1936 e il 1938 come “Dopolavoro dei dipendenti dei Monopoli di Stato”. Durante la seconda guerra mondiale venne usato come rifugio per sfollati.

Divenne Cinema Teatro dopo la seconda guerra mondiale, con spettacoli di varietà e proiezioni di films. Successivamente divenne solamente cinematografo con il nome di Cinema Teatro Arena Nuovo.

Sacher (Nuovo Cinema Teatro)

Legata a questo cinematografo, luogo dove vide per la prima volta Roma città aperta, è la poesia di Pier Paolo Pasolini 

Proiezione al “Nuovo” di “Roma città aperta”

Ma che colpo al cuore quando, su un liso 
cartellone… Mi avvicino, guardo il colore 
già d’un altro tempo, che ha il caldo viso 
ovale dell’eroina, lo squallore 
5eroico del povero, opaco manifesto. 
Subito entro: scosso da un interno clamore, 
deciso a tremare nel ricordo, 
a consumare la gloria del mio gesto. 
Entro nell’arena, all’ultimo spettacolo, 
10senza vita, con grigie persone, 
parenti, amici, sparsi sulle panche, 
persi nell’ombra in cerchi distinti 
e biancastri, nel fresco ricettacolo… 
Subito, alle prime inquadrature, 
15mi travolge e rapisce… l’intermittence 
du coeur. Mi trovo nelle scure 
vie della memoria, nelle stanze 
misteriose dove l’uomo fisicamente è altro, 
e il passato lo bagna col suo pianto… 
20Eppure, dal lungo uso fatto esperto, 
non perdo i fili: ecco… la Casilina, 
su cui tristemente si aprono 
le porte della città di Rossellini… 
Ecco l’epico paesaggio neorealista, 
25coi fili del telegrafo, i selciati, i pini, 
i muretti scrostati, la mistica 
folla perduta nel daffare quotidiano, 
le tetre forme della dominazione nazista… 
Quasi emblema, ormai, l’urlo della Magnani, 
30sotto le ciocche disordinatamente assolute, 
risuona nelle disperate panoramiche, 
e nelle sue occhiate vive e mute 
si addensa il senso della tragedia. 
è lì che si dissolve e si mutila 
35il presente, e assorda il canto degli aedi. 

Negli anni sessanta e settanta la sala resta nel circuito delle seconde visioni passando alle prime visioni negli anni ottanta. Nel 1991, chiuso da circa due anni, venne acquistato dalla Sacher Film di Nanni Moretti e Angelo Barbagallo e rilanciato con una programmazione basata su pellicole di qualità, films d’autore e opere indipendenti.

Attualmente è una delle poche monosale, probabilmente la più importante, in attività resistendo anche all’ultima ondata delle digitalizzazioni. Può contenere 362 persone e l’estate è un punto di riferimento per i cinefili con la sua arena  in cui propone i migliori films della stagione appena passata ma soprattutto con il suo Bimbi Belli, festival attivo dal 2002, in cui vengono presentate le migliori opere prime scelte direttamente da Nanni Moretti. festival in cui ha mosso i primi passi nel mondo del cinema Matteo Garrone.

Arena estiva del cinema Nuovo Sacher

Arena estiva del cinema Nuovo Sacher

Al suo interno è presente una libreria indipendente con libri di 12 editori indipendenti e un bar dove non si può non assaggiare una fetta di Sacher.

[mappress mapid=”2″]

Andrea Maraldi

Cinema & Cinematografi

I commenti sono chiusi.