Intervista a Mario Brovelli, apertura Cinema San Carlo gennaio 1928

IL CINEMA SAN CARLO

( Acchiappando a volo Mario Brovelli )

Ho dovuto pescare Mario Brovelli. Non è cosa facile : tutti sanno che si trova nel suo Ufficio di Noleggio in Via Cavallotti dalle 9 a mezzogiorno, e dalle 14 alle 19, immancabilmente ; ma in quanto a poterlo afferrare a volo, a inchiodarlo per un minuto contro un battente di porta, è un altro paio di maniche : è sempre alle prese con qualcuno, sempre in seduta, sempre o al telefono o alla macchina da scrivere ; e ama i giornalisti come il fumo negli occhi.

Quando Dio ha voluto, m’è riuscito di afferrarlo per un lembo della giacchetta.

– A quando l’inaugurazione del ” Cinema San Carlo ” ? – A marzo ! – mi ha risposto ; Ma io ho tenuto saldo : – Un momento ; per marzo mancano ancora due mesi e mezzo : mettiamoci a sedere, e discorriamo. – Mi ha guardato con quei suoi occhi chiari, che più si nascondono tra le palpebre, e più arditamente vi fissano e pare che vi cerchino il pensiero. Pare non abbia trovato logica la mia deduzione logica, che, dovendo aspettare due mesi e mezzo, era meglio discorrere stando seduti che in piedi ; e tuttavia ha atteggiato il volto a rassegnazione, e mi si è messo a parlare. – Erano anni che accarezzavo il sogno di avere un locale di prima visione, che fosse anche tra i più belli d’Italia, e che rispondesse in pieno a i gusti raffinati del pubblico milanese. Molte difficoltà m’impedirono sempre la realizzazione. Le ho superate tutte. Per la parte finanziamento, ho costituito un’anonima con tre milioni di capitale. Altra difficoltà grave, la scelta del posto dove far sorgere il nuovo Cinematografo ; e voi vedete bene che anche questa è stata superata, perchè non si poteva trovare un posto migliore del Corso Vittorio Emanuele, e un punto di esso più centrale e simpatico. Difficoltà di ordine tecnico si sono affacciate anch’esse, e sono state anch’esse, dopo mesi di laboriose trattative e di studii, superate, specialmente per opera del mio legale, che è anche mio carissimo amico, Cav. Avv. Felice De Dominicis. Il progetto del locale è opera di due valorosi professionisti : il Prof. Arch. Enrico Mariani, e l’Ing. Fausto De Dominicis, i quali abbatendo e ricostruendo, utilizzando e creando, mi daranno un locale di 1.500 posti, bellissimo per estetica architettonica, ottimo per gli apprestamenti interni, in tutto rispondente alle moderne esigenze dei locali cinematografici, e tale da potersi in pochissime ore trasformare in un perfetto teatro per arte varia. Alla schiera di coloro che alla costruzione dedicano entusiasticamente la loro attività si è aggiunto, fin da principio, l’amico Comm. Mario Coscia, ora prezioso collaboratore, e domani competentissimo Direttore Artistico del Cinema. Il Consiglio d’Amministrazione della S.A.C.I. ( Società Anonima Cinema Indipendenti ) è composto così : Cav. Avv. Felice De Dominicis, Presidente ; io, Consigliere Delegato : Comm. Gaetano Ceschina ( proprietario del gruppo di stabili sulla cui area sorge il Cinema ), Comm. Mario Coscia, Enrico Vimercati, Angelo Vimercati, Ernesto Deangelis, Consiglieri. Tra le difficoltà con le quali ho dovuto lottare, e lotto ancora, bisogna ricordare l’esagerato entusiasmo degli amici, che m’avrebbero potuto creare gravi illusioni, e l’opera commovente dei nemici, che avrebbero potuto disanimarmi ; e cerco di star in guardia contro gli uni e gli altri. E, finalmente, un’ultima difficoltà : la curiosità giornalistica, che mi mette insistentemente tra i piedi tanta brava gente, che vorrebbe sapere sempre tante cose nuove, e che mi fa perdere un tempo prezioso. Ma voi appartenete a ” Cinemalia “, una Rivista che mi è simpatica e che mi dimostra che non sono stato soltanto io a dar prova di coraggio a volere l’attuazione di certe cose in momenti forse non molto felici ; e vi perdono. – E mi ha piantato.

L’intervista, in piedi nonostante i due mesi e mezzo, è durata esattamente tre minuti e cinque secondi, parola sacrosanta di cronometrista !

Fonte :

Cinemalia 15 gennaio 1928

http://www.giusepperausa.it/cinema_san_carlo_-_cinema_amba.html

Precedente Abel Gance, il suo Napoléon Successivo La grande battaglia cinematografica seconda parte